La mia settimana in Citroën C4 Cactus

Ecco il primo episodio della mia settimana in Citroën C4 Cactus. Le condizioni meteorologiche non consentono di effettuare una presentazione video. Tuttavia, ecco il mio rapporto dopo 250 chilometri al volante.


Citroën mi ha quindi affidato il test della nuova berlina C4 Cactus in versione 1.2 PureTech da 130 CV e cambio manuale a 6 marce in finitura Shine.


Non vedo l'ora di salire a bordo e finalmente provare queste famose nuove sospensioni, è un altro elemento che mi regala il primo effetto Wow: i sedili! Che dolce! Che dolce ! Citroën è chiaramente il marchio del benessere automobilistico. Dopo questo primo effetto, motore e azione ;-)


Prima osservazione: il motore non trema, non vibra. Mentre su C3 Aircross e C3 il motore vibrava molto (caratteristiche dei 3 cilindri), in questa nuova C4 Cactus le vibrazioni sono completamente attenuate, è davvero molto piacevole. È quindi dolcemente che il Cactus parte e dove si possono vedere i primi effetti della nuova sospensione. Si trova tra il C4 (già molto comodo ma che a volte sale improvvisamente le emorragie) e il C5 che cancella i piccoli sanguinamenti e le onde con imbottitura sui grandi dossi. La nuova sospensione filtra le piccole emorragie molto meglio della C4 senza cancellarle e riproduce il classico vello Citroën su grandi dossi. Siamo totalmente trasportati in un mondo di comfort e benessere e tutto ciò rende la guida molto piacevole.


In città, il leggero Cactus non ha problemi a scivolare nel traffico. Il motore, potente e scorrevole, permette di partire bene e la compattezza dell'auto la farebbe quasi diventare una regina della città. Unico piccolo inconveniente: la scatola si blocca un po 'quando si passa dalla 2a marcia.


Avendo guidato poco in città, è soprattutto in autostrada che posso darvi una buona relazione. Ed ecco: che piacere ... La C4 Cactus non ha problemi a raggiungere i 130 km / he mantenerli indipendentemente dalla pendenza della strada. Le costole vengono assorbite senza alcun rallentamento. È sull'autostrada che si verifica il secondo effetto Wow. Infatti, le sospensioni, pur non essendo efficienti come l'idraulica, offrono un comfort di marcia semplicemente notevole. I piccoli sanguinamenti sono molto ben filtrati, le increspature vengono cancellate delicatamente, è semplicemente impressionante offrire un tale comfort con semplici sospensioni non pilotate. Viaggiare in un Cactus dà l'impressione di essere trasportati in una bolla di benessere dove tutti i capricci del traffico sono, se non cancellati, comunque molto attenuati.


Dopo 250 chilometri inghiottiti a buona velocità e quasi 3 ore di strada, sono sceso da questa C4 Cactus come se ci fossi appena entrato. Nessuna fatica. Nessun dolore alla schiena. Davvero, questo C4 Cactus mi stupisce.


Tuttavia, non tutto è perfetto in questo Cactus. Diverse due cose mi hanno infastidito:

- Il parabrezza è piccolo. Mi ha particolarmente colpito dopo essere uscito dal mio C4. Temevo che questo interferisse con la visibilità ma, alla fine, va bene anche se un parabrezza più alto sarebbe stato più apprezzabile. Sicuramente una conseguenza dell'installazione dell'airbag passeggero sul tetto.

- Maledirò il pulsante di avvio e arresto che trovo impiantato troppo in basso e troppo lontano. È certamente un'abitudine da prendere.


Infine, il punto di consumo: una media di 5,9 l su questi 250 chilometri rispetto ai 5 l della mia C4 HDi 90, trovo che questo sia un ottimo risultato.


Domani, episodio 2, la nuova C4 Cactus conquista la città.

 
 

Dopo un lungo viaggio in autostrada di ieri, la città è oggi il terreno preferito. Sulla strada per le piccole strade della vecchia Lille ...

Quindi è stato per i vicoli della Capitale delle Fiandre che ho preso questa nuova C4 Cactus, solo per verificarne la maneggevolezza, il comportamento in città, lo Start and Stop, ecc.

Oltre a questo, devi saperne di più.

A. Manovrabilità

Se la compattezza della C4 Cactus può essere un handicap in termini di vivibilità, è innegabilmente un grande punto di forza in città. La nuova C4 Cactus è agile, precisa, gioca con i passaggi stretti senza doversi preoccupare di urtare i paraurti anteriori o posteriori.

Ben protetta dagli elementi in plastica che circondano la carrozzeria, la città non è una trappola per la nuova C4 Cactus. Tanto più che su questa finitura lucida dotata di ausili di parcheggio anteriori e posteriori, il Cactus è pronto per uscire dalla città senza la minima ferita.

Nelle stradine della vecchia Lille, il C4 Cactus fa di tutto per rendere piacevole il tuo soggiorno. Il suo sterzo molto flessibile a bassa velocità consente manovre senza sforzo. Le sue porte a sbalzo corto consentono di passare attraverso passaggi molto stretti con una facilità sconcertante.

Oltre a questo, devi saperne di più.

B. Comportamento

Anche se la città non è il terreno ideale per testare il comportamento di un'auto, la Vecchia Lille offre il vantaggio di strade acciottolate che minano le sospensioni e consentono di misurare il comportamento dell'auto.

Dotata delle nuove sospensioni con fermi idraulici, la nuova C4 Cactus assorbe perfettamente urti, urti o sanguinamenti vari. La nuova sospensione gioca un punteggio eccellente, che rende il viaggio estremamente confortevole e ti permette di rimanere zen.

Le sedute accoglienti e molto confortevoli contribuiscono a questa meravigliosa sensazione di benessere. Consentono, pur essendo morbidi, un ottimo supporto. Ho trovato l'appoggio laterale all'altezza permettendogli di diventare tutt'uno con l'auto. Comodo, flessibile ma dinamico, il Cactus offre un servizio davvero carino in città.

Oltre a questo, devi saperne di più.

C. Un cactus C4 tecnofilo

Evolversi in città permette anche di misurare le varie tecnologie di cui è dotato il Cactus. Il più utilizzato di tutti in città sarà necessariamente lo Start and stop. L'ho trovato molto reattivo al riavvio, ma lo spegnimento è fonte di vibrazioni e non è immediato, è necessario un piccolo secondo prima che il motore si spenga, secondo durante il quale emergono le vibrazioni.

La telecamera per la retromarcia è efficace. Permette di tenere conto dell'ambiente posteriore dell'auto e di appropriarsi delle distanze attraverso le linee guida. Il tutto è accompagnato dai tradizionali beep, offrendo così tutto il necessario per slot perfetti e fluidi. Un piccolo inconveniente comunque: con tempo umido (viva il Nord ...), l'immagine può essere leggermente sfocata con una visibilità non del tutto ottimale.

Il GPS si mostra, veloce, efficiente e preciso. Le istruzioni sono chiare e comprensibili senza possibilità di commettere errori. Inoltre, quando si svolta, sullo schermo della console centrale viene visualizzata un'immagine che mostra in modo molto preciso la corsia da prendere. Solo un piccolo rimpianto: nel C4, il promemoria GPS è integrato nella strumentazione che evita di distogliere lo sguardo dalla strada. Un promemoria nella schermata Cactus sarebbe stato utile.

Oltre a questo, devi saperne di più.

Valutazione del test:

La nuova Citroën C4 Cactus è molto confortevole in città, dove gioca con tutte le trappole possibili. Il suo arsenale tecnologico si prende cura della grana e porta tutto il suo aiuto per non farsi prendere nelle varie trappole possibili, il tutto in un accogliente bozzolo dove le ottime sedute e le meravigliose sospensioni sono accompagnate da un isolamento acustico superiore che ci isola completamente dai vari rumori. Per un po ', il C4 Cactus renderebbe piacevole il traffico cittadino.

Chilometri percorsi: 52

Consumo medio della prova: 6,3 (6,2l dopo l'autostrada di ieri) è un consumo molto ragionevole.

 

La mia settimana in Cactus: il confronto con la mia C4

Dopo 3 giorni di test in autostrada, città e strade di campagna, è il momento di confrontare la nuova 4 Cactus con la C4 che sostituisce, un'auto di mia proprietà.

Non giudicherò il design qui poiché è soggettivo.

Oltre a questo, devi saperne di più.

I sedili:

Sulle strade che prendo regolarmente, ho potuto confrontare il Cactus con la mia C4. E se trovo la mia C4 comoda, resista a sanguinamento o dossi di velocità senza battere ciglio, devo ammettere che la C4 Cactus è ancora un gradino sopra. I sedili contribuiscono molto al comfort e quelli della C4 Cactus, con le loro schiume specifiche, sono davvero più comodi di quelli della mia C4. Mi piacciono i sedili della mia C4 perché si mantengono bene e avevo un po 'di preoccupazione per quelli del Cactus ma non è così. Per me il supporto laterale è equivalente senza che i lati dei sedili ostacolino l'entrata o l'uscita.

Vantaggio di cactus.

Insonorizzazione:

Per quanto riguarda l'insonorizzazione, il mio C4 ha un'alta qualità e un grosso difetto. Non riesco a sentire il motore diesel della mia macchina, quindi a volte devo guardare il contagiri per controllare che il motore sia in funzione e lo apprezzo molto. Allo stesso modo, le vibrazioni dovute al diesel sono inesistenti. D'altra parte, i rumori di rotolamento sono alti per non parlare delle gocce di pioggia che possono essere ascoltate molto bene. Non tutto questo nel nuovo Cactus: anzi! Come ho potuto notare, l'insonorizzazione del nuovo Cactus dà l'impressione di creare una bolla tra i passeggeri e il mondo esterno. Il motore, benzina, è naturalmente discreto e nessuna vibrazione ci disturba.

Vantaggio di cactus.

Oltre a questo, devi saperne di più.

La posizione di guida:

La posizione di guida della mia C4 è molto gratificante. La plastica espansa su gran parte del cruscotto ha molto a che fare con questo. Tutto è molto ben fatto, gli assemblaggi sono precisi e non si sente l'usignolo. È un cruscotto molto serio, molto ben rifinito. Ma anche molto ... nero. Piuttosto l'opposto di quello del Cactus. Il cruscotto basso e orizzontale è quasi dimenticato. E se le plastiche sono più dure di quelle del mio C4, anche gli assemblaggi sono precisi, il tutto non subisce critiche e non è presente il rumore del mobile. L'insieme del Cactus è più armonico perché è più semplice, più leggibile, più facile. Quando penso che sul mio C4, ci sono 3 modi diversi per riagganciare il telefono ...

Vantaggio Cactus: ma il C4 si difende molto bene.

Comportamento su strada:

Se la mia C4 ovviamente non ha le nuove sospensioni, rimane una Citroën ed è quindi molto confortevole. Solo l'emorragia può risalire bruscamente alla schiena ma il resto viene inghiottito con formidabile efficienza. Sospensioni efficienti che offrono un comportamento su strada che trovo dinamico. Ed è certamente su questo punto che il mio C4 prende il vantaggio sul nuovo Cactus. Questo deve essere dovuto al comfort superiore del Cactus dove tutto è più flessibile perché il Cactus non si muove, rimane ben piantato sulle ruote ed è molto piacevole da guidare. Ma le sospensioni leggermente più solide del mio C4 devono partecipare a una sensazione di maggiore dinamismo per il mio C4.

Uguaglianza

Oltre a questo, devi saperne di più.

Il motore - cambio - consumi:

Possiedo una Citroën C4 Hdi 90 box 5 che molti considerano limitata in termini di prestazioni. Devo ammettere che non ho nulla da rimproverarlo. I rilanci sono immediati, i recuperi ottimi. Solo il motore sembra vuoto prima che il Turbo entri in azione.

La nuova C4 Cactus che sto testando è una PureTech 130 CV BVM6.

Se, inevitabilmente, le prestazioni ci sono visto che la C4 Cactus è leggerissima, mi aspettavo più volte rispetto alla mia C4. Sicuramente la maggiore coppia dell'HDi compensa la mancanza di potenza.

    Livello di consumo, corro a una media di 5,3 litri sulla mia C4 con un misto di città, autostrada e dipartimenti. Trovo questo consumo molto contenuto perché con 60 litri pieni mi permette di fare più di 1000 km. E in autostrada il consumo è più che ragionevole. Ad esempio: dopo 250 chilometri per arrivare a Parigi, l'autonomia della mia C4 era scesa di ..... 60 chilometri. Piuttosto forte.

    Per il Cactus, su un motore a benzina, sono attualmente a 6,4 l in media, contando i 250 chilometri di autostrada. Ho anche fatto molte città e molte strade dipartimentali. È quindi un consumo del tutto ragionevole per un motore a benzina di questa potenza. Il peso piuma che è il nuovo Cactus aiuta molto.

    Per quanto riguarda il cambio, la mia C4 è in cambio manuale 5 e il Cactus in cambio manuale. Le deviazioni del mio C4 sono grandi e possono essere fastidiose soprattutto quando si passa alla retromarcia. D'altra parte, la scatola del Cactus con deviazioni più corte ma orecchiabile soprattutto sul 2 ° e 3 ° rapporto. I rapporti sono molto lunghi anche su quello del Cactus mentre quelli della mia C4 sono semplicemente perfetti. A 130 km / h, in 5a marcia, giro a 2000 giri.

    Vantaggio C4

    Oltre a questo, devi saperne di più.

    Abitabilità:

    Per il momento non sento alcun problema in termini di abitabilità. Nella parte anteriore non siamo stretti e nella parte posteriore, con le mie regolazioni del sedile, lo spazio per le gambe è abbastanza soddisfacente per la mia altezza e molto soddisfacente per i miei figli. C'è solo la larghezza che potrebbe sfidare, ma ancora una volta, niente di veramente imbarazzante. Il vantaggio è che la consolle del Cactus è più stretta di quella della mia C4 quindi i pochi centimetri persi in larghezza sull'auto non si sentono necessariamente all'interno. Forse in fondo è più problematico e il test non è stato fatto. Ma chi ne guida sempre 5 in macchina? Per quanto riguarda il baule, sulle gare della settimana è sufficiente il baule del Cactus, più piccolo di quello della mia C4 certo, ma abbastanza azzeccato. Riposo durante una partenza in vacanza dove in effetti potrebbe essere troppo giusto.

    Vantaggio del cactus: vantaggio molto leggero dovuto soprattutto alla sua compattezza. Trovo che il vantaggio in termini di compattezza compensi la precisione dell'abitabilità posteriore e del volume del bagagliaio.

    Oltre a questo, devi saperne di più.

    Conclusione:

    In conclusione, mi piace molto il mio C4. Mi ha bluffato lungo i 250 chilometri per arrivare a Parigi. È un'auto che mi soddisfa ogni giorno, è divertente da guidare, comoda, efficiente ed economica. È un'ottima macchina e ne sono molto contento. Tuttavia, per scegliere, la mia preferenza andrebbe al Cactus per un semplice motivo: è una vera Citroën. Non che il C4 non lo sia, ma non ha l'anima in più che il Cactus offre per il suo stile eccentrico (anche se è stato molto calmo). La nuova Cactus ha certamente il vantaggio della giovinezza, ma la sua freschezza, la sua allegria, la sua differenza fanno sì che sia per me più “Citroën” della mia C4.

     
     

    Dopo aver percorso l'autostrada, affrontato la città, approfittato delle piccole strade di campagna, la nuova C4 Cactus affronterà ora strade a dir poco sconnesse ... strade asfaltate.

    Oltre a questo, devi saperne di più.

    Dopo una trentina di chilometri alternati tra autostrade, superstrade e strade regionali dove la C4 Cactus conferma tutto il bello sentito al volante dall'inizio della settimana, eccoci davanti al Carrefour de l'Arbre, campione del selciato di Parigi Roubaix.

    Terreno ideale per spingere indietro i limiti delle sospensioni, i settori pavimentati consentono anche di controllare la finitura e l'assemblaggio dei mobili interni.

    Oltre a questo, devi saperne di più.

    Già conquistato dalle nuove sospensioni con stopper idraulico dall'inizio della settimana, provare il nuovo Cactus su questo tipo di settore mi ha finalmente convinto dell'eccellenza di questa sospensione. Splendidamente imbottito, il cactus assorbe gli urti, incavato con sorprendente facilità. I ciottoli non vengono cancellati ma assorbiti così bene che ho dovuto fare attenzione a non accelerare troppo. Bene aiutato da un'altezza da terra leggermente rialzata, il Cactus dimostra ottime capacità in ... qualsiasi strada, ironia del destino.

    Oltre a questo, devi saperne di più.

    All'interno, immerso nei sedili, puoi godere di un comfort di prim'ordine. Attraversare questi settori acciottolati diventerebbe quasi piacevole, soprattutto perché, nonostante le scosse, i mobili interni non si muovono, non si sente nessun rumore, non si sente nessun cigolio. Gli assemblaggi sono davvero ottimi e le finiture impeccabili.

    Oltre a questo, devi saperne di più.

    Alla fine, questa piccola escursione su sentieri difficili è stata una vera delizia. Il C4 Cactus assorbe dossi e ciottoli con facilità e in un comfort eccellente. Così eccellente che ci ritroviamo a sognare avventure, scoperte. La C4 Cactus rimane una berlina, limitata dalla sua altezza da terra e non è progettata per questo tipo di strada, ma le capacità che vi dimostra aumentano, se necessario, l'eccellenza di questa nuova sospensione. E la validità del Citroën Advanced Comfort programma.

    Appassionatamente Citroën - 2021 - Contattaci

    Oltre a questo, devi saperne di più.

    Dichiarazione di non responsabilità sulla traduzione

    Logo stellantis news.jpg
    • Facebook Social Icon
    • Twitter Social Icon
    • YouTube Social  Icon