Citroën CMétisse

In occasione del Salone di Parigi 2006, Citroën presenta CMétisse.

Con questa concept car fatta di passione e ragione, il Brand traccia un nuovo percorso dedicato al puro piacere automobilistico proponendo una coupé di carattere dotata di un alto livello di qualità della vita a bordo e offrendo prestazioni notevoli e rispettose dell'ambiente. .

Con le sue proporzioni snelle, il suo colore rosso sgargiante della carrozzeria, le sue spettacolari aperture e le sue cromature onnipresenti, questa vivace coupé con 4 posti e 4 porte riaccende la passione automobilistica per le più prestigiose coupé da gran turismo.

L'emozione che CMétisse suscita al primo sguardo è trasmessa dalle vere sensazioni di guida offerte, grazie all'abitacolo dotato dei più recenti progressi tecnologici, e alle prestazioni fornite da un propulsore ibrido diesel con un'architettura particolare.

Beneficiando della stessa soluzione per il futuro del dimostratore C4 Hybrid HDi, presentato da Citroën all'inizio dell'anno, CMétisse si distingue per l'installazione dei suoi motori elettrici nelle ruote posteriori.

Questa configurazione è coerente con le prestazioni del veicolo e ne ottimizza la trazione. Perfettamente adatto al carattere di CMétisse, questo risultato dimostra la grande padronanza di Citroën delle varie architetture ibride e il suo impegno nella riduzione dei consumi e delle emissioni di C02.

Veicolo top di gamma, CMétisse dà un posto d'onore anche ai passeggeri dedicando loro un ampio spazio con tre posti rivestiti in pelle bianca e fornendo un comfort esemplare.

c-metisse, creatore di emozioni e sensazioni automobilistiche

Tutto in CMétisse suggerisce una morsa di rara emozione.

Le sue proporzioni slanciate e la fluidità delle sue linee creano un'armonia intrisa di potenza. Le sue aperture dalla cinematica particolare affascinano e suscitano la voglia di salire a bordo.

Infine, il suo design degli interni realizzato con materiali nobili, i suoi sedili singoli molto confortevoli e la sua sofisticata tecnologia sono in grado di soddisfare sia il piacere del guidatore che il benessere di tre passeggeri.

Una coupé dal design elegante

La prima delle emozioni che affronta CMétisse è uno shock visivo.

Lungo (4,74 m), largo (2 m) e basso (1,24 m), scultoreo, quasi intimidatorio: esige rispetto immediato. Ma lungi dal creare una distanza, questo rispetto si mescola a un'irrefrenabile seduzione, a un'attrazione assoluta. Che si tratti dei passaruota posteriori, del cofano o persino del bagagliaio, tutti i suoi volumi presentano le curve di un corpo muscoloso pieno di curve e rimbalzi di una sensualità sorprendente.

Seduzione, CMétisse la suscita anche attraverso il dinamismo che esprime. Anche a un punto morto, tutto di lei suggerisce il movimento. Con un cofano anteriore molto lungo e uno sbalzo posteriore quasi inesistente, CMétisse ricorda l'equilibrio dei veicoli dell'età dell'oro del gran turismo.

Le linee CMétisse rivelano anche la ricerca di un'aerodinamica ottimale, garanzia di consumi ridotti ed emissioni inquinanti, così come integrano perfettamente gli ultimi progressi tecnologici. Attorno alla doppia griglia chevron, i proiettori sono dotati di una fila di LED che si accendono gradualmente in base all'inclinazione del volante e alla velocità del veicolo, consentendo di ottenere un'illuminazione ottimale durante la guida notturna su strade tortuose.

Per quanto riguarda i pneumatici Michelin, associati a cerchi con dado centrale, contribuiscono al carattere sportivo della coupé e, soprattutto, il loro sviluppo è stato integrato nel design del veicolo, al fine di ottimizzare la loro resistenza all'aria e quindi contribuire all'ottimo coefficiente di penetrazione nell'aria del veicolo (Cx di 0,30).

Aperture spettacolari e accesso facilitato a bordo CMétisse sa stupire per le soluzioni tecniche che mette in atto, in particolare in termini di aperture. La prima sorpresa è la presenza di porte posteriori su un veicolo che costituiscono una perfetta rappresentazione del coupé.

Il secondo sta nel vero balletto che si offre agli occhi all'apertura delle porte poiché l'accoglienza dei passeggeri è messa in scena in modo impressionante: le porte anteriori si aprono come un'ala di gabbiano mentre le porte posteriori seguono un percorso elicoidale.

Oltre all'aspetto visivo spettacolare, questa soluzione facilita l'accesso a bordo aggiungendo efficienza al pennacchio. Queste aperture, infatti, liberano parzialmente il tetto, un grosso ostacolo all'accesso estremamente basso del veicolo, e consentono un'accessibilità esemplare per questo tipo di veicolo.

Infine, l'apertura a parallelogramma del tronco contribuisce all'estetica dell'insieme.

Un cockpit adattato al guidatore

Nell'abitacolo è stato sfruttato lo sviluppo tecnologico per offrire al guidatore servizi che gli permettano di essere perfettamente concentrato sulla sua guida e offrendogli il massimo piacere di guida.

L'autista ha la seguente attrezzatura:

■ un volante con comandi centrali fissi che riunisce a portata di mano i principali comandi per il comfort e l'assistenza alla guida (autoradio, limitatore di velocità, computer di bordo, luci, frecce e tergicristallo). Questa disposizione, così come la presenza delle palette del cambio poste dietro al volante, impedisce al guidatore qualsiasi movimento non necessario, conferendogli così un eccezionale piacere di guida;

■ le spinte di contatto e di avviamento, posizionate sulla console superiore, rafforzano la sensazione di trovarsi su un aereo da caccia;

■ una posizione di guida determinata in funzione della posizione ottimale dell'occhio del conducente, quindi una regolazione in altezza del sedile unico per raggiungere questo punto, la presenza di un poggiatesta in sospensione, fissato al tetto, e due comandi elettrici per la regolazione dello sterzo in pelle ruota e pedali in alluminio. Questa impostazione innovativa della cabina di guida offre una posizione di guida ottimale mantenendo uno spazio costante per i passeggeri posteriori.

Questa dotazione high-tech si sposa perfettamente con il design dell'abitacolo, caratterizzato da un'originale consolle centrale divisa da cinque griffe tra le quali sono disposte la leva selettrice in alluminio per il cambio e comandi come navigazione, sedile, volante e pedaliera impostazioni, apertura del bagagliaio, regolazione dell'altezza da terra o anche la modalità sportiva delle sospensioni.

La consolle centrale si estende nell'abitacolo in tre barre luminose per informare i passeggeri con un gioco di luci sull'attuale modalità di propulsione ibrida (modalità ZEV - Zero Emission Vehicle -, ricarica, funzione “boost”, ecc.).

Oltre ai giochi di luce, sono presenti effetti sonori percepibili non appena si aprono le porte, che accompagnano determinate azioni del conducente (installazione a bordo, avviamento del veicolo, navigazione nel computer di bordo) e lo informano dello schieramento delle alette aerodinamiche.

Questa messa in scena conferisce a CMétisse una dimensione vivente. Va oltre la consueta freddezza dell'oggetto tecnologico alitarvi il respiro animale.

Uno spazio esclusivo per i passeggeri

Rivestito in pelle bianca, lo spazio riservato a tre passeggeri è stato curato in modo molto raffinato, creando un'atmosfera di totale serenità.

I tre sedili indipendenti suggeriscono per il loro design comfort e leggerezza. Una sensazione rafforzata dalle forme ariose e dai volumi scavati dell'abitacolo che, rivestito in pelle e inserti in alluminio, conferma l'appartenenza di CMétisse al mondo dei veicoli d'eccezione.

Per un'accoglienza dei passeggeri di alta gamma, ogni sedile dispone di un climatizzatore autonomo, i cui comandi sono incisi nella pelle delle porte antivento e di un'illuminazione individuale sul tetto.

Grazie ad un passo generoso (3 m), perfettamente sfruttato, i passeggeri posteriori beneficiano di un'abitabilità sconosciuta in questa tipologia di veicoli con, in particolare, uno spazio alle ginocchia corrispondente agli standard di una limousine.

Rivestiti in pelle, i vani bagagli sono in armonia con lo spazio passeggeri. Oltre a un bagagliaio posteriore che si apre in un parallelogramma, i passeggeri di CMétisse beneficiano di due spazi situati dietro le ruote anteriori, che consentono di collocare l'intera linea di bagagli Citroën prodotta esclusivamente per questo concept.

Prestazioni notevoli che rispettano l'ambiente

L'intelligenza di CMétisse è combinare:

■ un propulsore ibrido diesel,

■ aerodinamica ottimizzata,

■ una massa limitata.

Questa associazione gli permette di offrire prestazioni notevoli abbinandole al controllo dei consumi e al rispetto dell'ambiente.

Ibridazione diesel al servizio dell'ambiente, del piacere di guida e della sicurezza CMétisse dispone di un propulsore ibrido diesel che combina:

■ un motore termico diesel: l'HDi FAP V6, accoppiato ad un cambio automatico a 6 marce, che aziona le ruote anteriori e la cui potenza è di 150 kW (208 CV);

■ due motori elettrici installati nelle ruote posteriori che sviluppano una coppia unitaria di 400 Nm e una potenza unitaria di 15 kW (20 hp).

Grazie all'ibridazione diesel, CMétisse contribuisce al rispetto dell'ambiente. Ciò è particolarmente vero nell'uso urbano, con la modalità ZEV (Zero Emission Vehicle) che consente di accedere a una modalità completamente elettrica "estesa" e questo nella massima silenziosità (da circa 3 km a 30 km / h), o su strada richiedendo successive accelerazioni e decelerazioni dove l'ibridazione permette di limitare i consumi utilizzando insieme le due energie.

Nell'uso autostradale, il motore termico diesel V6 HDi con DPF (filtro antiparticolato), per le sue qualità intrinseche, ha un'ottima efficienza.

Con questo controllo del consumo di carburante e quindi delle emissioni, CMétisse visualizza livelli di consumo nel ciclo combinato di 6,5 l / 100 km e emissioni di C02 di 174 g / km.

Il piacere di guida, che rimane al centro delle esigenze degli automobilisti, non è stato sacrificato. In caso di forti sollecitazioni sul pedale dell'acceleratore e di una richiesta immediata di coppia, la funzione “boost” combina la coppia del motore termico con quella dei motori elettrici e consente a CMétisse di ottenere prestazioni degne di una grande vettura sportiva senza penalizzare la consumo.

Lo 0-100 km / h viene raggiunto in 6,2 secondi e la partenza da fermo di 1000 m viene superata in 25,4 secondi.

Più che la ricerca di una velocità massima inutilizzabile in condizioni di traffico normale, è il piacere di guidare che è stato favorito da accelerazioni franche e rapide.

Ad esempio, il passaggio da 80 a 120 km / h avviene in 4,2 secondi.

Inoltre, durante il periodo di “boost”, il veicolo è a 4 ruote motrici poiché i motori elettrici azionano le ruote posteriori mentre il motore termico fa girare le ruote anteriori: la trazione è così perfettamente garantita.

Infine, quando i sensori ESP segnalano condizioni di aderenza precarie, CMétisse è in grado di attivare i suoi motori elettrici e quindi passare alla trazione integrale.

Il loro innesco consente quindi al guidatore di beneficiare di una maggiore trazione e di utilizzare il potenziale di CMétisse in modo perfetto e sicuro in tutte le condizioni. Oltre ai motori, la catena di trazione è costituita da un pacco batterie ad alta tensione che alimenta i motori elettrici.

Questo pacco, posto al centro del veicolo, viene ricaricato dai motori elettrici durante le fasi di decelerazione, trasformando così l'energia cinetica del veicolo in energia elettrica.

Il sistema di controllo della catena di trazione e frenatura, vero centro nevralgico del sistema, gestisce automaticamente la configurazione energetica: passaggio da 2 a 4 ruote motrici, recupero di energia e ricarica della batteria.

Aerodinamica ottimizzata per coniugare prestazioni e rispetto per l'ambiente

L'aerodinamica e la fluidità delle linee, valori forti del Brand, sono state particolarmente curate per contribuire al dinamismo di CMétisse, all'efficienza del comportamento del veicolo ea questa voglia di performance nel rispetto dell'ambiente .

Pertanto, i volumi di CMétisse non rientrano nell'esercizio del libero stile, poiché combinano la bellezza estetica con l'efficienza dinamica. CMétisse ha un Cx di 0,30 ottenuto, oltre alle sue linee fluide e tese, grazie ad una serie di apparecchiature innovative come queste prese d'aria anteriori, il fondo piatto sotto l'auto, queste due alette posteriori a scomparsa o un diffusore posteriore con spoiler fisso. Tutti questi dispositivi partecipano attivamente non solo alla riduzione della resistenza aerodinamica, ma anche alla riduzione della portanza, ponendo così il veicolo a terra e aumentandone la maneggevolezza.

Una massa limitata per conciliare dinamismo e bassi consumi

Importante anche il lavoro sul peso del veicolo per conciliare dinamismo e bassi consumi. Grazie all'adozione di un corpo in carbonio e di un traliccio portante in carbonio per il gruppo propulsore e l'asse anteriore, CMétisse ha un peso di 1.400 kg, batterie a bordo, che è notevole date le sue dimensioni.

Anche l'architettura del propulsore ibrido diesel contribuisce a questo risultato. Infatti, l'installazione dei motori elettrici nelle ruote posteriori e la posizione al centro del veicolo del pacco batterie consentono una perfetta distribuzione delle masse tra la parte anteriore e quella posteriore del veicolo e favoriscono un migliore comportamento su strada.

Appassionatamente Citroën - 2021 - Contattaci

Oltre a questo, devi saperne di più.

Dichiarazione di non responsabilità sulla traduzione

Logo stellantis news.jpg
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • YouTube Social  Icon